Resto al Sud: incentivi ai professionisti

La legge di Bilancio 2019, attualmente in approvazione, prevede l’ampliamento della platea dei destinatari di Resto al Sud e l’innalzamento dell’età per fruire dell’incentivo gestito da Invitilia: i finanziamenti potranno essere richiesti anche dai liberi professionisti e dagli under 46 (il limite attuale è fino a 36 anni non compiuti).
L’incentivo Resto al Sud è dedicato ai giovani che vogliono restare o tornare nelle regioni AbruzzoBasilicataCalabriaCampaniaMolisePugliaSardegna e Sicilia e concede loro agevolazioni a copertura del 100% delle spese: 35% di fondo perduto e 65% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di garanzia per le PMI e coperto, per gli interessi, da un altro contributo. L’importo va da 50.000 euro per le iniziative presentate da un unico soggetto a 200.000 euro per le ipotesi di associazione tra più soggetti.

Le domande, che finora potevano essere presentate dalle imprese individuali, le società di persone, le società di capitali e le società cooperative, ora possono quindi essere inoltrate anche dai professionisti.