F24 home banking: divieto in compensazione per il Bonus Renzi

Il decreto legge 124/2019 definisce nuove modalità di presentazione per gli F24 contenenti crediti d’imposta utilizzati in compensazione, così come anche chiarito dall’Agenzia delle Entrate con  risoluzione 110/E del 31/12/2019.

La nuova normativa prevede che al fine dell’utilizzo in F24 della compensazione di crediti maturati nell’anno d’imposta 2019 per importi superiori a 5.000 euro è necessaria la preventiva presentazione telematica del dichiarativo, trattasi dei crediti IVA, dei crediti relativi ad imposte dirette (IRPEF,IRES, ecc.), dei crediti relativi ad addizionali ed imposte sostitutive delle dirette e dei crediti IRAP.

A partire dal 1° gennaio 2020, quindi, se i crediti si riferiscono al 2019, sarà possibile compensare liberamente al massimo 5.000 euro, mentre per la parte eventualmente eccedente sarà necessaria la presentazione telematica del relativo dichiarativo.

La risoluzione inoltre rammenta che i crediti maturati in relazione al periodo d’imposta 2018 per imposte sui redditi (IRES,IRPEC, ecc..) e relative addizionali, imposte sostitutive alle imposte sui redditi ed IRAP, potranno essere compensati in base alla vecchia normativa, quindi senza l’obbligo di preventiva presentazione della dichiarazione per il periodo d’imposta 2019.

Altra importante novità è quella che impone nuove fattispecie di obbligo di presentazione dei modelli F24 esclusivamente a mezzo dei canali dell’Agenzia delle entrate, con divieto di utilizzo dell’home banking. In particolare, così come chiarisce la risoluzione 110/E dell’Agenzia delle Entrate la presentazione in pagamento di F24 con saldo maggiore di zero e con l’utilizzo in compensazione di crediti maturati in qualità di sostituto d’imposta impone l’utilizzo dei canali Fisconline (F24web o F24online) e/o di Entratel (intermediario) vietando l’utilizzo dell’home banking. Tale previsione inibisce quindi l’uso dell’home banking per le compensazioni in F24 del recupero delle eccedenze di versamento delle ritenute, del bonus Renzi 80 euro, dei rimborsi da assistenza fiscale erogati ai dipendenti e pensionati.